Presentazione Centro

Storia

Il C.PM. è una organizzazione scientifica fondata a Brescia il giorno 11 Novembre 1986.

Dal 2012 è riconosciuto dal MIUR della Regione Lombardia, Regione Veneto e Regione Lazio per stages teorico-pratici di formazione indirizzati al personale della scuola.

Il 15-07-2014 con decreto prot.N. AOODPIT.595 il C.PM. è stato accreditato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca) Direzione Generale per il Personale scolastico e incluso nell’elenco dei soggetti accreditati/qualificati per la formazione dei docenti di ogni ordine e grado.

Nella lettera Prot. nº AOODGPER.7621 del 28/07/2014, in cui viene comunicato l’inserimento del C.PM nell’elenco dei soggetti accreditati, il Dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione – Direzione Generale per il Personale Scolastico – Ufficio VI precisa che le iniziative formative promosse dai Soggetti accreditati o qualificati sono riconosciute dall’Amministrazione e danno diritto, nei limiti previsti dalla normativa vigente, al riconoscimento dell’esonero dal servizio del personale della scuola che vi partecipa.
La partecipazione a tutti i corsi proposti dal C.PM prevede la possibilità di utilizzare la “Carta del Docente”. I corsi sono presenti nella piattaforma digitale S.O.F.I.A. per la gestione della formazione del personale scolastico.

C.PM. è formato da ricercatori e professionisti (medici, psicologi, pedagogisti, psicomotricisti, psicoterapeuti, logopedisti) che si occupano da circa trent’anni della ricerca, della formazione psicomotoria, psicologica, pedagogica, realizzando corsi, seminari, aggiornamenti e supervisioni ad operatori della Sanità, dei Servizi socio-sanitari, della scuola su tematiche anche richieste direttamente da Enti ed Istituzioni pubbliche e private.

Ciò per favorire quei processi di cambiamento e completamento che sono alla base dell’operatore qualificato.

In particolare si occupa della formazione dello psicomotricista che ha il compito di aiutare il bambino e l’essere umano nelle diverse fasi della vita ad imparare ad utilizzare le capacità e potenzialità al fine di prendere coscienza della propria identità e di rafforzarla, sostenendola a livello motorio, affettivo-relazionale, cognitivo utilizzando il gioco o attività similari che per la loro struttura integrano movimento, percezione di sé rappresentazione simbolica e vissuto emozionale.

Il termine psicomotorio fu usato per la prima volta nel 1907 per puntualizzare la relazione in ambito clinico con cui mente e corpo si influenzano. La psicomotricità nasce come terapia dei disturbi di apprendimento e di comportamento rivolta ai bambini che presentavano un “danno cerebrale minimo” (disfunzione senza segni neurologici), ponendosi come obiettivo il superamento dei disturbi.

Fra il 1945 ed il 1970 la psicobiologia e la psicologia genetica danno altri contributi importanti: si introduce il dialogo tonico, lo schema corporeo ed il comportamenton psicomotorio che caratterizzano l’intervento psicomotorio.

Nel 1970 altri contributi vengono dati dalla psicoanalisi per cui il comportamento non viene più considerato come frutto di scelte coscienti, ma come l’espressione di un dinamismo pulsionale, fatto di gesti, posture ed azioni inconsce.

Negli anni ’80 la psicomotricità viene considerata fondamentale per aiutare il bambino a risolvere qualsiasi problema di sviluppo attraverso la mediazione corporea.

La psicomotricità:

– non è educazione fisica
– non è applicazione di tecniche terapeutiche
– non è disciplina di insegnamento anche se correlata a tutte le attività scolastiche

MA un modo di essere, di rapporto e di comunicazione con il bambino per portarlo alla:

– conoscenza di sé
– relazione interpersonale attraverso il corpo
– capacità di agirlo nella sua globalità

DUNQUE è una terapia olistica che agisce nel campo delle interazioni fra i vari sistemi che compongono il monismo ontologico della persona:

– motricità,
– affettività,
– intelligenza.

La fondatrice e il direttore scientifico

La fondatrice e il direttore scientifico è la Dottoressa Giuliana Arcelloni Battaglia.

  • Ha conseguito laurea in pedagogia all’Università Cattolica di Milano
  • Ha conseguito laurea in psicologia presso l’Università di Padova
  • Specializzazione per l’insegnamento agli handicappati a Verona
  • Specializzazione in psicomotricità, ipnosi, training autogeno conseguita, a Milano, a Grenoble, Poitier, a Perugia e a Verona.
  • Formazione biennale in terapia psicomotoria diretta dal prof. Resta
  • Partecipazione a seminari relativi a studi psico dinamici della personalità condotti dallo psicoanalista prof. Salomon Resnik presso la fondazione Cini di Venezia
  • Formazione di gruppo condotta dal prof. Resnik a Venezia
  • Specializzazione quadriennale in psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico a Cremona
  • Analisi individuale e di gruppo
  • Iscrizione all’Albo degli psicologi e all’elenco degli psicoterapeuti
  • Esperta in psicologia clinica, psicologia dell’età evolutiva, dell’handicap e della disabilità.

Ha effettuato dal 1982 varie attività di consulenza e di docenza presso istituzioni pubbliche e private, presso l’Università Cattolica (Toniolo), presso la Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Brescia e su mandato del Provveditorato agli Studi di Brescia e Bergamo.
Collabora con istituti pubblici e privati ed è fondatrice e già presidente F.I.Sc.O.P. e componente del Comitato Scientifico F.I.Sc.O.P. e del C.PM. Ha partecipato inoltre a vari congressi italiani ed europei con relazioni pubblicate.

Docenti e collaboratori del C.PM.

  • Dott. ssa Arcelloni Battaglia Giuliana
    Psicologa, Psicoterapeuta, Psicomotricista, Direttrice C.PM
  • Dott.ssa Barbieri Lina
    Psicologa, Psicoterapeuta, Psicomotricista, Direttrice Centro Psicomotricità di Lodi
  • Barbieri Michela
    Psicomotricista, Insegnante Scuola Materna e Formatrice
  • Dott.ssa Bastianoni Isabella
    Psicologa, Logopedista, Insegnante
  • Dott. ssa Cabini Laura
    Psicologia, Psicoterapeuta, Psicomotricista, ASL Brescia
  • Dott. Cappon Vincenzo
    Psicologo, Psicoterapeuta, Psicomotricista, A.O. “Carlo Poma” di Mantova
  • Dott. Cassa Diego
    Libero Professionista Neuropsichiatria Infantile
  • Dott. Costa Angelo
    Neurologo presso gli “Spedali Civili” di Brescia
  • Prof.re Crispiani Piero
    Professore Ordinario di Didattica e Pedagogia presso l’Università di Macerata; Presidente della Federazione Italiana Pedagogisti F.I.P.E.D.; Direttore Scientifico del Centro Italiano Dislessia.
  • Prof. Cristaldi Melita, PhD
    Coordinatrice Polo Catanese di Educazione Interculturale; Global Teacher Centre IC Fontanarossa-Catania
  • Dott.ssa David Alessandra
    Psicologa, Psicoterapeuta
  • Dott.ssa Fazi Maria Cristina
    Pediatra, A.O. “Mellino Mellini” di Chiari
  • Prof.ssa Fazzi Elisa Maria
    Professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile, Università degli Studi di Brescia e Dirigente Medico c/o ASST Spedali Civili di Brescia, Presidio Ospedale dei Bambini, U.O. di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza
  • Dott.ssa Faustini Moira
    Laurea in Scienze della formazione, Libera Professionista, Formatrice di attività ludiche, espressive e motorie
  • Dott.ssa Marchiori Marina
    Psicologa, Psicoterapeuta, Psicomotricista, Libera Professionista
  • Dott.ssa Miglioli Alice
    Logopedista
  • Prof.ssa Peserico Manuela
    Professore associato dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Psichiatra e Psicoterapeuta
  • Prof. Plebani Alessandro
    Professore Ordinario e Direttore Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Brescia
  • Dott. Porta Fulvio
    Responsabile Reparto Oncoematologia Pediatrica degli Spedali Civili di Brescia